Miopia e computer: lenti a contatto o occhiali?

Miopia e computer: meglio gli occhiali o le lenti a contatto? Per rispondere in modo serio e scientifico a questa domanda è necessario fare alcune precisazioni.Dobbiamo tenere conto di alcuni elementi soggettivi come:

  • Entità della miopia.
  • Qualità e quantità del liquido lacrimale.
  • Confort generale con le lenti a contatto.
  • Età del soggetto.
  • Tempo trascorso davanti al monitor.

miopia e computer lenti a contatto

Miopia e computer: dipende dall'entità della miopia

Cominciamo con l’entità della miopia: più elevata è la miopia e maggiore risulta il vantaggio delle lenti a contatto rispetto agli occhiali. Quindi una persona che ha un deficit visico di -7,00 preferisce quasi sempre portare lenti a contatto per la miopia rispetto agli occhiali, se queste vengono ben tollerate, in quanto hanno dei vantaggi in termini di:

  • Dimensione dell’immagine (non rimpicciolita come avviene con gli occhiali).
  • Campo visivo laterale.
  • Abilità spaziali (migliore percezione della distanza e della profondità unite a movimento più armonico).
  • Estetica che ha comunque il suo peso.

Un miope lieve, ad esempio -1,25 non ha grandi vantaggi con le lenti a contatto rispetto all’occhiale in quanto il difetto contenuto e la conseguente lente correttiva montata negli occhiali non produce effetti indesiderati percepibili.


Quindi possiamo desumere una prima regola: per le miopie elevate è di solito preferibile utilizzare le lenti a contatto il più possibile e quindi anche davanti al computer, durante le ore di ufficio.

Liquido lacrimale: altro punto importante

Parliamo adesso del liquido lacrimale del soggetto: se questo è normale sia in quantità che qualità, le lenti a contatto vengono ben tollerate e quindi anche di fronte al monitor possono essere ben tollerate e non avvertite minimamente.

Se invece il soggetto ha una lacrimazione non ottimale potrebbe andare in crisi davanti al computer in quanto la lente asciugandosi perderebbe di qualità ottica (meno trasparente, visione nebbiosa) e conseguentemente impatterebbe con il confort (un occhio meno lubrificato avverte la lente come un corpo estraneo e a lungo andare produce abrasioni superficiali).

Se il problema è lieve si può risolvere con delle lacrime artificiali (colliri da instillare nell’occhio insieme alle lenti) o meglio ancora utilizzando delle lenti con dei materiali di ultima generazione che subiscono meno la disidratazione o la combinazione di entrambi i rimedi.

In effetti si è visto che quando si sta davanti al monitor diminuisce molto il ritmo di ammiccamento e di conseguenza la ghiandola lacrimale secerne meno liquido e questo può essere un problema per chi porta le lenti a contatto ed ha una lacrimazione tendenzialmente scarsa.

Per cui possiamo desumere la seconda regola: se la lacrimazione è scarsa è preferibile utilizzare l’occhiale davanti al computer.

Quindi, occhiali nelle ore d’ufficio e lenti a contatto negli altri contesti.
In alcuni casi è possibile con buona soddisfazione dividere la giornata a metà: mattino con gli occhiali e pomeriggio con le lenti a contatto, in modo di essere pronti per andare in palestra o a farsi un aperitivo/cena.

Miopia e computer: conta anche il comfort

Veniamo all’altro punto e cioè il comfort generale con le lenti a contatto: come saprete, alcune persone sono portatori eccellenti e coprono benissimo tutta la giornata, serata compresa senza alcun problema, altri sono meno fortunati e per vari motivi che vanno dall’occhio delicato, alla ricorrenza di congiuntiviti allergiche o come abbiamo detto prima, problemi di lacrimazione non ottimale hanno un arco temporale di buona tolleranza meno dilatato e devono accontentarsi di usarle solo in una parte della giornata.

Ebbene anche per queste persone, che non sono portatori eccellenti delle lenti a contatto vale la regola che è preferibile usare l’occhiale davanti al monitor.

 

miopia e computer luce blu e occhi

Luce blu e occhi: l'importanza del trattamento antiriflesso

Come abbiamo già detto nell'articolo che parlava di luce blu e occhi ed anche alla luce delle ricerche dei premi Nobel per la Medicina 2017 vi ricordiamo che le radiazioni emesse da tutti i monitor, dallo smartphone al computer, contengono una particolare lunghezza d’onda della luce blu che risulta in vario modo dannosa per i nostri occhi se assorbita in modo massiccio.

Consigliamo quindi delle lenti da occhiale che abbiano un trattamento antiriflesso blu control o blu protect che garantisca una sufficiente schermatura per il nostro apparato visivo.

Quindi per essere coerenti con questa raccomandazione dovremmo indossare le lenti a contatto e poi sopra un occhiale protettivo per schermare la luce blu emessa dai monitor.

Si desume quindi che se la miopia non è particolarmente elevata, diciamo fino a 4-5 diottrie, l’occhiale correttivo e protettivo può risultare vincente se dovete stare tutte le ore lavorative davanti al monitor.

E per chi ha più di 45 anni?

Prendiamo ora in considerazione il fattore anagrafico: se avete più di 45/50 anni potreste aver conosciuto molto probabilmente i sintomi della presbiopia ed esser diventati presbiti, vale a dire che il vostro cristallino ha perso parzialmente elasticità e la messa a fuoco da vicino è diventata più problematica.


Si comincia con il non vedere più bene il “bugiardino” dei medicinali e poi anche le distanze intermedie come quelle del monitor (circa 60 cm) cominciano a metterci in difficoltà in un uso prolungato.
Se siete in questa condizione avete due opzioni:

  1. Usare un occhiale sopra le lenti a contatto che corregga la presbiopia e schermi la luce blu.
  2. Usare direttamente un occhiale multifocale al posto delle lenti a contatto.

Quindi la nuova regola che ne deriva è: finché non è presente la presbiopia possono andare bene anche le lenti a contatto, poi rimane più comodo utilizzare l’occhiale correttivo e protettivo per la luce blu.

 

Per coloro che hanno una miopia elevata e che per altri motivi preferiscono portare le lenti a contatto ed hanno la fortuna di tollerarle bene, sarà necessario utilizzare un occhiale sopra le lenti.

 

miopia e computer occhiali

Quanto tempo trascorri davanti al pc?

Ultimo punto: tempo trascorso davanti al monitor.


Se passate tutta la giornata lavorativa in studio o in ufficio davanti al computer e poi la sera chattate e navigate con lo smartphone sottoponete i vostri occhi per 10/12 ore la giorno ad un impegno notevolissimo e solo se siete degli eccellenti portatori di lenti a contatto avrete un confort pienamente soddisfacente. Se così non è, organizzate almeno una parte della giornata con gli occhiali.

Se invece il vostro lavoro è vario e non vi costringe tutto il tempo davanti al monitor ma avete a che fare con i clienti, vi spostate in auto o in bici o in moto per i vari impegni e la vostra giornata è fatta di tante cose, impegni familiari ecc, è più facile che possiate usare con soddisfazione le lenti a contatto.

In conclusione...

In base a quanto argomentato su miopia e computer ci sentiamo di affermare che per passare tutta la giornata davanti al pc siano meglio gli occhiali rispetto alle lenti a contatto nella maggioranza dei casi.


Ad ogni modo come sempre vale la regola di chiedere la consulenza dell’esperto.
È quello che noi di Istituto Ottico Ciaroni facciamo da oltre 30 anni nel nostra ottica di Pesaro: consigliare al meglio i nostri clienti.

 


Non sai cosa scegliere tra occhiali
e lenti a contatto 
per correggere la miopia?
Scarica subito il nostro approfondimento!

Scarica l'approfondimento sulla miopia

 

Tags: miopia, occhiali da vista, lenti a contatto

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro

L'istituto ottico Ciaroni è un centro ottico-optometrico che non svolge attività medico oculistica.

© Copyright by Istituto Ottico Ciaroni. Tutti i diritti sono riservati. 
È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente website, ivi inclusa riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’Istituto Ottico Ciaroni.

Prenota un esame visivo gratuito in negozio.

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro