Presbiopia e computer: esiste davvero una correlazione?

Se ti stai chiedendo se esiste una correlazione tra presbiopia e computer, nel corso della lettura avrai la corretta risposta. Il nostro modo di vivere pian piano si è trasformato: informatica e comunicazione digitale ci hanno fornito mezzi differenti per interagire fra di noi e con il resto del mondo. I vari dispositivi tecnologici come il computer, lo smartphone ed il tablet si sono prepotentemente imposti nella nostra vita. Se in un primo momento questi strumenti sono riusciti a contagiare solo le giovani generazioni, utilizzandoli come un’appendice corporea, oramai la diffusione di strumenti digitali pervade tutta la società.

 

Fermati un attimo a pensare: “Qual è la prima cosa che fai quando ti svegli?”


Certo, non tutti faremo le stesse cose, ma un’azione ci accomuna: aggiornarci su quello che succede nel mondo attraverso il nostro smartphone, se non è la prima, è una delle prime cose che fai, non è vero?

È facilmente intuibile, dunque, come si sono modificate le nostre abitudini, come si è modificato il nostro modo di vedere le cose, letteralmente. Usiamo gli occhi e la visione da vicino con una maggior frequenza rispetto al passato quindi sì, c’è correlazione tra la presbiopia ed computer.

Correlazione tra presbiopia e computer: un approfondimento

La risposta alla domanda: "esiste una relazione tra la presbiopia e il computer?" Non può essere liquidata con una semplice affermazione, ma merita un approfondimento.

Cosa significa correlazione?

Relazione reciproca, rapporto di mutua dipendenza tra due o più elementi.

Questa è una delle definizioni che abbiamo trovato online, e ci fa capire quanto un elemento risulta correlato ad un altro se c’è una dipendenza, una relazione esclusiva. Nel nostro caso partiamo dalla comprensione della presbiopia e della sua insorgenza per poi passare alla relazione con il computer e gli altri dispositivi elettronici. Come avrete letto nell'articolo Cos'è la Presbiopia, saprete già che questo difetto non è una malattia ma una graduale e fisiologica perdita di elasticità a carico del sistema di messa a fuoco dell’occhio.


presbiopia e computer

Occhio schematico in sezione dove si evidenziano tutte le parti principali che lo compongono.
Nella zona anteriore, dietro l'iride potete notare il cristallino che ha la forma di una lente biconvessa.

 


 

In particolare, questa difficoltà a focalizzare gli oggetti molto vicini a noi dipende dal cristallino: una lente naturale presente all’interno del nostro occhio, che perde elasticità nell’arco della vita e, a partire dai 40 anni circa comincia a mostrare un funzionamento meno brillante. Questo cambiamento avviene comunque, indipendentemente dalla nostra professione o dai nostri hobby ed è collegata alla nostra età anagrafica come mostra il diagramma.

 




presbiopia e computer

Nella prima colonna a sinistra potete vedere l'età anagrafica, nella seconda colonna il corrispondente potere accomodativo presente nel cristallino espresso in diottrie e nella terza la correzione necessaria in diottrie per compensare la presbiopia (dato statistico medio).


 

Si è notato comunque che esiste una certa variabilità da persona a persona ed incidono aspetti come:

  • Le condizioni di salute
  • Lo stile di vita
  • Lo stress ed eventuali difetti visivi preesistenti all’insorgenza della presbiopia.

Ad esempio...

Gli ipermetropi diventano presbiti anche 5-10 anni prima dei miopi, i fumatori anticipano di qualche anno la presbiopia e così anche coloro che hanno un’alimentazione sregolata o eccedono con l’alcool. Anche se può risultare scontato, il nostro consiglio è quello di vivere uno stile di vita sano che ci mantenga giovani più a lungo e questo ovviamente vale anche per gli occhi. 


Quindi, rispondendo alla domanda iniziale "C’è correlazione tra presbiopia e computer?" Ci sentiamo di affermare che: non è il computer a far comparire la presbiopia, ma sicuramente questo tipo di impegno visivo mostra in anticipo i sintomi della presbiopia.

Quali sono i sintomi della presbiopia?

Abbiamo già parlato in un articolo specifico dei sintomi della presbiopia e per vostra comodità li ricordiamo brevemente:

● Difficoltà a leggere caratteri molto piccoli
● Necessità di allontanare il testo di lettura o l’oggetto che si sta osservando
● Necessità di illuminare ciò che si sta osservando
● Necessità di strizzare gli occhi per vedere meglio
● Mal di testa localizzato nella zona frontale e/o tempiale
● Lacrimazione
● Arrossamento
● Fastidio/dolore nel bulbo oculare
● Senso di nausea
● Difficoltà a mantenere la concentrazione durante la lettura
● Difficoltà ad utilizzare i mezzi elettronici
● Necessità di ingrandire i caratteri dello smartphone o del tablet
● Difficoltà ad inserire il filo nella cruna dell’ago

Questi elencati sono i sintomi più frequenti o comunque quelli che vengono riferiti più spesso durante l’esame visivo.

Come vedete dall’elenco, presbiopia non significa solo non vedere bene da vicino, ma una serie di altre manifestazioni. Vorremmo farvi comprendere che non è sufficiente avere una visione nitida ma è necessaria una visione confortevole che vi consenta di passare le ore dell’ufficio senza stancarvi troppo. Spesso la visione al computer è più che buona in un presbite iniziale, aiutato dalle grandi dimensioni del monitor e dalla distanza non troppo ravvicinata (60-70 cm).

Potrebbe però avvertire gli altri sintomi come:

● Sensazione di affaticamento
● Mal di testa localizzato nella zona frontale e/o tempiale
● Lacrimazione
● Arrossamento
● Fastidio/dolore nel bulbo oculare
● Senso di nausea
● Difficoltà a mantenere la concentrazione durante le ore di lavoro

Quindi in questo caso, la visione è buona ma non altrettanto il confort in quanto il difetto della presbiopia è già presente.

Una correlazione tra presbiopia e computer esiste!

L’eccessivo tempo passato al computer o su altri dispositivi digitali costringe l’utilizzo della sola visione prossimale, enfatizzando questi sintomi. Per molte persone, il computer è stato sostituito in gran parte dallo smartphone. Questo mezzo richiede una maggior capacità visiva in quanto il monitor è notevolmente più piccolo del desktop e la distanza di utilizzo è molto più ravvicinata mostrando in anticipo i sintomi della presbiopia. Chi svolge attività lavorative all’aria aperta e usa poco gli occhi nella visione ravvicinata avverte qualche anno dopo i problemi ed i sintomi della presbiopia. Se sei un assiduo utilizzatore di questi moderni dispositivi e percepisci il presentarsi di complicazioni nell'utilizzarli, non devi aver paura: con le giuste soluzioni, puoi aumentare il tuo comfort visivo senza modificare il tuo stile di vita, ma di questo ne parleremo più avanti…

 


Vuoi approfondire il tema della presbiopia?
Abbiamo preparato una guida molto utile per chi desidera avere maggiori informazioni riguardo a questo difetto della vista

Scarica l'ebook

Tags: Presbiopia

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro

L'istituto ottico Ciaroni è un centro ottico-optometrico che non svolge attività medico oculistica.

© Copyright by Istituto Ottico Ciaroni. Tutti i diritti sono riservati. 
È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente website, ivi inclusa riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’Istituto Ottico Ciaroni.

Prenota un esame visivo gratuito in negozio.

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro