<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=166159863923787&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
 

Rallentare la miopia con l’igiene visiva, alcuni consigli

La miopia nell’età evolutiva ed in particolare nell’adolescenza tende solitamente a peggiorare. Poi nel soggetto adulto, normalmente entro i 23/25 anni si stabilizza. Ma è possibile rallentare la miopia? Vediamo insieme come! Le statistiche ci dicono che negli adolescenti dal momento in cui la miopia si manifesta, il peggioramento medio annuo è di 0,66 diottrie. Comprendete bene quindi che se una miopia compare a 10 anni e peggiora fino a 20 avremo una variazione totale di circa 6,50 diottrie e aggiungendo la miopia diagnosticata inizialmente facilmente si supereranno le 7 diottrie.

Stiamo parlando quindi di una miopia che si definisce elevata con tutte le complicazioni che comporta.

Parliamo non solo di una totale dipendenza dall’occhiale o dalle lenti a contatto ma anche di una struttura oculare in qualche modo indebolita in quanto il bulbo si è allungato di oltre 2 mm rispetto alla norma, la retina di conseguenza si è stirata ed assottigliata, predisponendo l’occhio ad una maggior frequenza di problematiche come l’ipertensione oculare, la cataratta precoce, le miodesopsie e la fragilità retinica con maggior rischio di distacchi.

Ovviamente ci auguriamo che nulla di tutto questo accada ma come sempre, è più facile prevenire.

 

come rallentare la miopia o evitare che peggiori?

Come rallentare la miopia o evitare che peggiori?

Ecco, qui che entrano in gioco i consigli di igiene visiva.
Diciamo che abitudini sbagliate possono far peggiorare più della media statistica mentre sane abitudini riusciranno a rallentare e a bloccare il processo miopico.


Come abbiamo detto più volte negli articoli precedenti riguardanti la miopia e in particolare in quello dedicato ai sintomi e alle cause della miopia, il problema, in aggiunta alla causa ereditaria, ha origine in un affaticamento eccessivo del sistema visivo nella visione da vicino come ad esempio la lettura, la scrittura, il computer, il tablet, lo smartphone, i videogames e la TV.

Negli ultimi anni, le nuove generazioni utilizzano lo smartphone come un’appendice corporea e questo stile di vita ha fatto schizzare verso l’alto le percentuali di nuovi miopi tra la popolazione.

Cosa possiamo fare quindi per non diventare miopi o per rallentare od arrestare la miopia se già presente? Per rallentare il processo miopico dobbiamo fare attenzione a diversi fattori che elenchiamo di seguito:

  1. Illuminazione
  2. Postura
  3. Pause che riducono lo stress accomodativo
  4. Stile di vita
  5. Alimentazione

Rallentare la miopia con l'illuminazione giusta

Partiamo dall’illuminazione che risulta molto importante.

Esistono molti studi a partire dagli anni ‘50 svolti dagli optometristi americani che evidenziano una stretta correlazione tra ambienti male illuminati e conseguente insorgenza della miopia.

Si è visto che nelle aule scolastiche poco o male illuminate dalla luce naturale si verificavano un maggior numero di miopie rispetto alle aule illuminate in modo corretto. Lo stesso avveniva in abitazioni con poca luce naturale (esempio seminterrati) dove i ragazzi dovevano svolgere i loro compiti scolastici.

Quindi la regola che si desume è: gli ambienti devono essere ben illuminati con luce naturale dove si studia o si svolgono lavori a distanza ravvicinata.

La scrivania deve essere posizionata di fronte alla finestra con luce che arriva di fronte o sul lato della mano che non scrive (per esempio da sinistra per i destrimani). Quando la luce naturale non è più buona, illuminare la scrivania con lampada da tavolo e luce accesa nella stanza per evitare eccessivi contrasti.
Quindi poca luce favorisce l’insorgenza ed il peggioramento della miopia.

 

rallentare la miopia con una postura corretta

Rallentare la miopia con una postura corretta

La postura rappresenta un altro elemento molto importante. Se l’attività di lettura e scrittura o l’utilizzo dello smartphone viene fatta a distanza troppo ravvicinata, per capirci a meno di 30cm, questa abitudine sbagliata tende a miopizzare.

Lavorare e studiare a distanza molto ravvicinata costringe il nostro occhio ad un maggior sforzo muscolare e questo produce uno stress accomodativo che a sua volta favorisce la miopia.

Non bisognerebbe scendere al di sotto della distanza indicata da Harmon che equivale allo spazio che intercorre fra il gomito e la prima falange del dito indice.

In un adulto questa distanza varia mediamente fra i 38 ed i 42 cm.
Ovviamente in un bambino sarà un po’ più corta.

Per avere il piano di lavoro alla giusta distanza risultano molto utili le poltroncine regolabili in altezza, altrimenti le persone di bassa statura ed i bambini si trovano con gli occhi troppo vicini al piano della scrivania.

Un altro aspetto da osservare nella postura è quello di mantenere la schiena eretta e una posizione ben “centrata” senza rotazioni anomale o inclinazioni eccessive della testa.

Per quanto riguarda la postura di fronte al computer è importante la posizione dello schermo: lo schermo deve essere posizionato in modo tale che il bordo superiore del monitor sia all’altezza degli occhi o appena più basso in modo tale che si possano spostare gli occhi dallo schermo verso l’orizzonte semplicemente alzando lo sguardo (da D.Lgs. n. 81/08 recante il “testo unico sulla sicurezza sul lavoro”).

Pause che riducono lo stress accomodativo

Per evitare di affaticare troppo gli occhi quando si svolgono attività prossimali (da vicino) bisogna fare delle pause. Questo vale sia per l’attività di studio, lettura e scrittura che quella a videoterminale.

Mentre leggete, quando avete finito di leggere la pagina, guardate oltre il libro, più lontano possibile per alcuni secondi e poi appena sentite gli occhi più rilassati ricominciate a leggere.

Mentre lavorate al computer distogliete spesso gli occhi dal monitor guardando sempre in lontananza per rilassare la muscolatura dell’occhio ed eseguite una pausa di 15 minuti ogni due ore (come da D.Lgs. n. 81/08 recante il “testo unico sulla sicurezza sul lavoro”).

Miopia e stile di vita sano

Una delle sorprese delle recenti ricerche è l’importanza del tempo trascorso all’aria aperta nella prevenzione della miopia.

Dai dati a nostra disposizione, appare che almeno 14 ore a settimana all’aperto (specialmente nel periodo invernale i giovani non lo fanno) possano essere d’aiuto nel rallentamento della progressione miopica.

Molti sono i fattori che entrano in gioco in questo caso:

  • L’esposizione solare con la produzione di vitamina D
  • Il rilascio di elementi a livello della retina come la dopamina
  • L’esposizione a microrganismi che possono risultare benefici

Risulta molto benefico in termini di contenimento della miopia praticare attività sportive, meglio se svolte all’aria aperta.

Rallentare la miopia con l'alimentazione

Da diversi anni tutti gli specialisti che si occupano di salute sottolineano quanto sia importante una corretta alimentazione.

Gli occhi e la miopia non fanno eccezione.

Un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura con pochi zuccheri e grassi rende il nostro organismo più forte e capace di fronteggiare le richieste visive sempre più affaticanti che il nostro moderno stile di vita ci richiede.

In conclusione

Quando noi di Istituto Ottico Ciaroni ci troviamo di fronte ad una persona miope o che sta per diventare miope, ci preoccupiamo di educarla ad un corretto stile di vita, ad un'igiene visiva che metta i suoi occhi al riparo da brutte sorprese.

Pensiamo che il nostro lavoro sia una missione: far vedere bene le persone. Riteniamo infatti la visione uno dei beni più preziosi che abbiamo.

 

 


Non sai cosa scegliere tra occhiali
e lenti a contatto 
per correggere la miopia?
Scarica subito il nostro approfondimento!

Scarica l'approfondimento sulla miopia

 

Tags: miopia, occhiali da vista, lenti a contatto

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro

L'istituto ottico Ciaroni è un centro ottico-optometrico che non svolge attività medico oculistica.

© Copyright by Istituto Ottico Ciaroni. Tutti i diritti sono riservati. 
È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente website, ivi inclusa riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’Istituto Ottico Ciaroni.

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro