Qual è il modo migliore per correggere la presbiopia?

Post by: Marco Ciaroni

Abbiamo capito bene che un modo per evitare di diventare presbiti non esiste. Ma, qual è il modo migliore per correggere la presbiopia? Perché non possiamo nemmeno diventare dei “presbiti infelici”!

Se ti stai chiedendo se esiste un modo per ripristinare la situazione presente prima della presbiopia, ti possiamo dire che esistono diversi modi per correre ai ripari, ognuno di essi segue filosofie di pensiero diverse infatti: alcune soluzioni sono poco invasive (gli occhiali), altre un po’ di più (le lenti a contatto) e alcune irreversibili (come gli interventi).

Non sapete che soluzione sia meglio per voi? Niente paura, ci siamo noi per chiarirvi le idee.

qual è il modo migliore per correggere la presbiopia

Come si corregge la presbiopia con gli occhiali?

Ve lo abbiamo già ripetuto in precedenza: gli occhiali esistono da diversi secoli ed hanno dimostrato, nonostante i repentini progressi della scienza, di essere ancora oggi la miglior soluzione per correggere la presbiopia senza dover inciampare in alcun rischio.

 

Il nostro sistema visivo con l’evolversi della civiltà ed il passaggio all’era digitale e della comunicazione è stato messo di fronte a delle esigenze di focalizzazione nella zona da vicino che il nostro antenato cacciatore, raccoglitore, agricoltore non aveva. Consideriamo poi che la durata della nostra vita si è allungata tantissimo e per oltre metà della stessa siamo presbiti.

 

La scelta dell’occhiale giusto, adatto alle nostre necessità, rappresenta ancora oggi una delle migliori soluzioni al problema. L’errore che spesso si fa, pensando agli occhiali, è quello di considerarli “uguali per tutti”. In realtà ognuno di noi vede in modo diverso ed ha esigenze personali che presuppongono un trattamento specifico per la correzione del difetto visivo. Ognuno di noi usa il suo sistema visivo, i suoi occhi, in modo differente a seconda della propria professione e di come passa il tempo libero.


Facciamo un esempio:
Un agente di commercio ha esigenze visive diverse da un impiegato pubblico che a sua volta avrà esigenze visive diverse di una commessa del banco freschi di un supermercato, etc.


Ecco perché, come già espresso precedentemente, esiste una varietà di occhiali che possono essere realizzati come correzione per la presbiopia:

L’occhiale monofocale corregge perfettamente ad una distanza prescelta da vicino (40, 60, 80 cm e così via), ma ha un limite: non permette la visione contemporanea del lontano o dell’intermedio, risultando confusi. Sono occhiali studiati per risolvere la messa a fuoco ad una sola distanza, che risulta tanto più limitata quanto più forte è il potere della lente.

La soluzione dei “premontati” (che ormai troviamo ovunque), è da considerare solo come un’emergenza, perché se usati a lungo mostrano i limiti della modesta qualità e della centratura standard delle lenti non adeguata alla distanza degli assi visivi del presbite che li utilizza. Inoltre sono concepiti male, perché danno per scontato che i due occhi abbiamo lo stesso difetto da compensare. Fate molta attenzione quindi: sono occhiali che possono soddisfare un’emergenza, ma non possono essere considerati il mezzo definitivo se state ricercando il modo migliore per correggere la presbiopia.

L’occhiale multifocale tra le due soluzioni, rimane la soluzione ottimale per correggere la presbiopia perché rappresenta la più comoda e migliore risposta ottica al difetto visivo. Il motivo? Racchiuse in un’unica lente puoi trovare tutte le distanze a cui si guarda messe perfettamente a fuoco, con lo stesso paio di occhiali puoi vedere:

  • Da lontano (guida, televisione, cinema, ecc.)
  • Da vicino (lettura, smartphone, disegno, cucito, ecc.)
  • E anche a distanza intermedia (computer, lavoro da scrivania, cucinare, ecc.)

Questa tipologia di occhiale presenta due zone funzionali, una per la visione da lontano (oltre i 2-3 metri) ed una per la visione da vicino (35-40 cm). Le due porzioni di lente sono unite da un settore di transizione, detto canale di progressione, in cui la potenza della lente cresce dall’alto verso il basso per arrivare al valore del potere da vicino.

Vi spiegheremo poi, per bene, il funzionamento di questi gioielli della tecnologia ottica, e vi daremo tutti i consigli per un successo immediato.

come si corregge la presbiopia

Come si corregge la presbiopia con le lenti a contatto?

L’occhiale con lenti progressive, rimane la scelta migliore per chi voglia correggere la presbiopia e quindi avere una visione nitida e stabile a tutte le distanze. Eppure assistiamo ad un nuovo fenomeno: sempre più persone scelgono le lenti a contatto.

Il mercato della lente a contatto per correggere la presbiopia sta crescendo notevolmente, come mai?

Queste rappresentano una valida alternativa, soprattutto per l’ampia percentuale di persone che ne apprezzano i vantaggi estetici e funzionali derivanti dal poter evitare l’uso dell’occhiale in varie attività quotidiane. Dobbiamo dire che le lenti a contatto per correggere la presbiopia sono ancora poco diffuse in Italia, dove solo l’1% dei circa 14 milioni di persone in età tra i 45 e i 65 anni le utilizza regolarmente. Nei prossimi anni, questa tendenza potrebbe modificarsi, spinta soprattutto dalla forte pressione sociale sull’attenzione alla propria immagine, potrebbe rivelarsi la soluzione più usata per risolvere la questione legata alla correzione della presbiopia


In passato, l’applicazione di queste lenti, aveva dei limiti applicativi oggettivi, poiché le aziende produttrici avevano proposto lenti con forti limiti ottici e costruttivi. Con la messa a punto di nuove e più evolute lenti a contatto di questi ultimi anni, si è determinato una migliore qualità visiva e un miglior comfort nell’utilizzo. Possiamo affermare, infatti, che le ultime generazioni di lenti a contatto per correggere la presbiopia, si presentano come prodotti affidabili e meritevoli della massima considerazione.

Tuttavia, il “protocollo” applicativo è importante, bisogna affidarsi al professionista dell’applicazione come l’ottico che sarà in grado di guidarvi e trovare per voi la soluzione migliore, in base allo stile di vita e alle vostre aspettative di visione in tutte le condizioni. In alcuni casi le lenti a contatto rappresentano la soluzione ideale per la correzione dei difetti visivi e risolvono in modo efficace il deficit visivo garantendo al portatore una visione confortevole per tutto il giorno.

Un metodo alternativo consiste nell'unire lenti a contatto e occhiali per correggere la presbiopia. Laddove esiste un difetto visivo da lontano (esempio miopia, ipermetropia o astigmatismo) e non si riesce ad applicare una lente a contatto multifocale, possiamo risolvere il problema, mantenendo la visione da lontano nitida con lenti a contatto “monofocali” e aggiungere un paio di occhiali per la visione da vicino.

La correzione della presbiopia con il laser

Il laser utilizzato nella microchirurgia oculare rappresenta uno dei nuovi sistemi per compensare la presbiopia. Consiste nel rimodellamento corneale in modo da modificare la normale superficie oculare e ottenere un profilo multifocale. Si cerca, attraverso il laser di ottenere quello che viene fatto con le lenti a contatto multifocali in modo permanente. Grazie alla nostra esperienza abbiamo visto che spesso bisogna provare diverse geometrie di lenti a contatto prima di trovare quella pienamente soddisfacente. Nel caso di un intervento non si possono fare “prove”, l’intervento infatti, ha un certo grado di complessità e non reversibile, come tutti gli interventi comporta dei rischi. 


Il laser non è normalmente la soluzione che consigliamo ai clienti che ci chiedono come affrontare la presbiopia, ma riteniamo di non essere la figura professionale più idonea a dare un giudizio definitivo su questa tipologia di intervento. Abbiamo l’impressione che questa soluzione possa rappresentare più il futuro che il presente, in quanto non ci sembra abbia (al momento) fugato ogni dubbio sulla sua reale bontà tecnica nel fornire una visione pienamente soddisfacente. Sono interventi poco diffusi e raramente proposti dalla maggioranza degli oculisti. Al momento sono le cliniche private a proporli e non il servizio sanitario pubblico.

 

Conclusione

 

Concludendo il discorso del “qual è il modo migliore per correggere la presbiopia” ci sentiamo di affermare che la miglior soluzione per il presbite rimane rappresentata dall’occhiale nelle sue diverse versioni a seconda delle necessità dell’individuo. In seconda battuta e, comunque non totalmente sostitutive dell’occhiale, indichiamo le lenti a contatto che potranno darvi piena soddisfazione in altri contesti come ad esempio nel tempo libero, in occasioni formali e per l’attività sportiva dove il campo visivo laterale ritorna perfetto!


 

Cerchi il modo migliore per compensare la tua presbiopia?
Abbiamo preparato un approfondimento molto utile con tutte le soluzioni a riguardo.

Scarica il Whitepaper

 

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro

L'istituto ottico Ciaroni è un centro ottico-optometrico che non svolge attività medico oculistica.

© Copyright by Istituto Ottico Ciaroni. Tutti i diritti sono riservati. 
È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente website, ivi inclusa riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’Istituto Ottico Ciaroni.

Prenota un esame visivo gratuito in negozio.

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Istituto Ottico Ciaroni a Pesaro