Il nuovo mondo digitale post Covid-19 e l'affaticamento visivo: qual è la loro correlazione?

Il digital eye strain, meglio conosciuto come affaticamento visivo, è una problematica legata alla vista sempre più diffusa dovuta all’eccessivo uso di smartphone, computer e dispositivi elettronici vari.

Interessa lo stress degli occhi a seguito di molte ore passate di fronte ad uno schermo e sembra colpire grandi, giovani e piccoli in eguale misura.

 

Questo perché a causa dell’emergenza sanitaria, nell’ultimo anno e mezzo studenti e lavoratori hanno dovuto trasformare la propria routine scolastica e lavorativa affidandosi alla tecnologia per poter lavorare in smart working e seguire le lezioni in DAD (didattica a distanza).

 

Ecco in cosa risiede la correlazione tra Covid-19 e affaticamento visivo: l’uso prolungato dei dispositivi elettronici ha portato la vista di molti ad uno stato di disagio e fastidio oculare, con una serie di sintomatologie e nocive per la vista.

 

In questo articolo, approfondiremo questa tematica concentrandoci in particolar modo su alcune buone pratiche per utilizzare in modo intelligente telefoni, computer e tablet.

Scarica l'ebook "8 Buone pratiche quotidiane che proteggeranno i tuoi occhi"

 

I principali sintomi dell’affaticamento visivo

Hai mai percepito alcune di queste sensazioni fastidiose dopo essere stato molte ore di fronte ad uno schermo?

  • Secchezza e bruciore oculare
  • Visione annebbiata e/o sdoppiata
  • Percezione alterata dei colori e dei contrasti
  • Pesantezza oculare
  • Lacrimazione accentuata
  • Cefalea
  • Fotofobia

Se la risposta è “sì”, soffri di affaticamento visivo digitale e questo di certo non è un toccasana né per i tuoi occhi né per il benessere fisico e mentale.

 

Ma cos'è che realmente nuoce alla retina e ci dà questa sensazione di pesantezza e fatica? La luce blu emessa dai dispositivi elettronici.

 

La luce blu è una delle componenti della luce che viaggia ad una lunghezza d'onda tra i 380 e i 500 i nanometri. Le radiazioni nocive invece viaggiano tra i 400 e i 455 nanometri.

 

Durante le ore di attività lavorativa e scolastica passate di fronte agli schermi, le radiazioni blu colpiscono l’umor vitreo - tessuto connettivo dalla caratteristica consistenza gelatinosa che occupa la cavità del bulbo oculare - causando una sensazione di disagio e fastidio all'occhio.

 

Per molti l’uso dei dispositivi elettronici risulta imprescindibile perciò sorge spontaneo chiedersi se effettivamente esista un metodo efficace per poter utilizzare smartphone, tablet e computer cercando comunque di evitare gli effetti dell’affaticamento visivo.

 

Nel paragrafo successivo, daremo una risposta a questo interrogativo.

Covid 19 e l'affaticamento visivo: i principali sintomi dell’affaticamento visivo

Covid-19 e affaticamento visivo: 8 sane abitudini per un corretto uso dei dispositivi elettronici

A seguire, ti illustriamo alcune semplici misure preventive che ti aiuteranno a proteggere gli occhi da schermi di computer e smartphone.

1. Rispetta la regola del 20-20-20

Seguire la regola del 20-20-20 donerà un senso di sollievo agli occhi dopo un incessante uso dei dispositivi elettronici.

 

Ecco in cosa consiste: per ogni 20 minuti che si trascorrono guardando lo schermo, occorre distogliere lo sguardo e focalizzarsi su qualcos'altro che non sia il computer o lo smartphone (un vaso, un muro, un quadro, un oggetto fuori dalla finestra, ecc.) per 20 secondi ad almeno 20 piedi (circa 6 metri) di distanza da te.


2. Prendi posto in una stanza non eccessivamente illuminata

Ti potrà sembrare strano, ma è vero: in una stanza non eccessivamente luminosa troverai condizioni migliori per lavorare al computer o visualizzare dei contenuti sul tablet e smartphone.

 

Hai un’unica stanza a disposizione in tutta casa ed è troppo illuminata? Non c’è problema: chiudi un po' le tende e riduci l'uso delle luci fluorescenti. Sarebbe meglio, in effetti, prediligere lampadine a basso voltaggio.


3. Esegui regolari esami oculistici od optometrici

Gli esperti consigliano di eseguire controlli regolari per prevenire e curare l’affaticamento visivo, per gestire la problematica e in generale per migliorare la condizione oculare a seconda del difetto visivo.

 

4. Imposta la luminosità dello schermo

Questa forse è l’abitudine più difficile da acquisire: impostare la luminosità, il contrasto e il bagliore dello schermo a seconda del grado di luminosità dell’ambiente in cui ci troviamo.


Ricordartelo ogni volta potrebbe risultare difficile nel tempo, ti invitiamo allora ad attivare le impostazioni di luminosità automatiche per consentire al telefono di regolarsi automaticamente in base all'ambiente.

 

Scarica l'ebook "8 Buone pratiche quotidiane che proteggeranno i tuoi occhi"

 

5. Usa occhiali da computer e/o lenti Blu Control

Per contrastare l’azione dannosa della luce blu è sempre meglio utilizzare appositi occhiali da vista per computer con lenti che filtrano la luce blu (Blu Control).

 

Si tratta di particolari lenti capaci di proteggere l'occhio in modo ottimale e di rendere l’esposizione agli schermi dei dispositivi elettronici meno fastidiosa e pesante.


6. Mantieni una distanza schermo-occhi di 40/60 cm

Mai tenere il telefono troppo vicino agli occhi o avvicinare in modo esagerato il viso al computer, sarebbe meglio piuttosto zoomare sull'immagine o sul contenuto che si desidera visualizzare.

 

Ad ogni modo, è consigliabile mantenere una distanza schermo-occhi compresa tra i 40 ed i 60 cm: uno spazio che permette comunque di vedere bene ma senza affaticare gli occhi (smartphone sui 40 cm e schermo computer da tavolo sui 60 cm).


7. Sbatti le palpebre almeno ogni 4 secondi

Sbattere le palpebre frequentemente è fondamentale quando si passano molte ore di fronte a smartphone, computer e tablet!

 

È molto facile dimenticarsi di eseguire questo piccolo gesto perché, inconsciamente, di fronte allo schermo ci concentriamo in maniera tale da fissarlo senza mai ammiccare.

 

Sbattendo le palpebre, manterrai gli occhi umidi e rifocalizzerai la vista. Di norma, l’ammiccamento andrebbe fatto almeno ogni 4 secondi.


8. Usa il collirio

Oltre a sbattere le palpebre vi è un altro metodo per mantenere l’occhio umido ed evitare che si secchi facilmente di fronte allo schermo: i colliri e le lacrime artificiali.

 

Vi sono numerose tipologie di colliri acquistabili al banco. Rivolgendoti al tuo oculista saprai trovare la soluzione più adatta ai tuoi occhi.


 

Covid 19 e l'affaticamento visivo: 8 sane abitudini per un corretto uso dei dispositivi elettronici

 

I nostri consigli per un uso consapevole dei dispositivi elettronici

Abbiamo visto le cause e i fattori che a lungo andare hanno inevitabilmente legato l’uso frequente dei dispositivi elettronici durante il Covid-19 e l’affaticamento visivo.

 

Seguendo i nostri consigli noterai ben presto dei cambiamenti positivi sia a livello visivo, sia nella postura e nel benessere fisico.

 

Tuttavia, ci teniamo a ricordarti che per qualsiasi dubbio, richiesta e urgenza è necessario consultare il proprio ottico optometrista di fiducia per scongiurare ogni genere di problematica e farsi consigliare la migliore soluzione.

 

Esistono inoltre delle lievi correzioni, cosiddette riposanti, che possono aiutare molto a ridurre lo stress visivo generato dai dispositivi digitali e rendere la visione confortevole.

 

La figura dell’optometrista potrà, con un esame visivo, evidenziare questa possibilità.

 

Scarica l'ebook "8 Buone pratiche quotidiane che proteggeranno i tuoi occhi"

Tags: Stress visivo digitale, Covid-19, occhiali per computer

Banner-ciaroni

L'istituto ottico Ciaroni è un centro ottico-optometrico che non svolge attività medico oculistica.

© Copyright by Istituto Ottico Ciaroni. Tutti i diritti sono riservati. 
È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente website, ivi inclusa riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’Istituto Ottico Ciaroni.

Articoli recenti

Seguici su Facebook

Mappa Istituto Ottico Ciaroni Pesaro